• HOME
  • COME FACCIO A...
    • iscrivermi ·
    • collaborare ·
    • sostenervi ·
    • equipaggiarmi ·
  • COMUNICAZIONI
    • news ed eventi ·
    • circolari ·
  • FINALITÀ
    • mission ·
    • metodo scout ·
    • carta identità associativa ·
    • bilancio sociale ·
  • GRUPPI
    • Orsa Maggiore (Roncoferraro) ·
    • Draco (Mantova) ·
  • STORIA
    • scoutismo ·
    • CNGEI a Mantova ·
  • ADULTI
    • dirigenza ·
    • capi ·
    • clan senior ·
  • PARTNERSHIP
    • convenzioni ·
    • link esterni ·
  • photogallery
    • Per sostenere le nostre attività donaci il tuo 5x1000
 
  Campo Estivo 2012 "Sarratar"
 
 
 
PATTUGLIA PANTIGRI
in un momento di sosta durante l'hike.
Giorno primo: la sveglia strilla strappandoti dal dolce regno di Orfeo. Dopo aver atteso a lungo questo giorno ti chiedi chi te lo faccia fare. Stai per caricare lo zaino, ah già lo zaino... Non manca nulla tranne forse la pila, ma la porterà qualcun altro; lo stuoino, ma non serve quest'anno visto che ci saranno sicuramente più assi; inoltre ti accorgi che non trovi più cose di minima importanza come il maglione o la camicia. Ma questi sono dettagli.
Giorno secondo: dopo la prima traumatica notte in tenda c'è chi si sveglia già ferito (ricordate ragazzi che un BONGO è un arma pericolosa!) e se non bastasse il risveglio è causato dal ripugnante e stordente suono di vuvuzuela. Cosa sta succedendo? Con molta fatica guardiamo fuori dalla tenda e vediamo scorrazzare... degli AVATAR! Ah ecco, non capivamo perché non fosse ancora successo qualcosa di FANTASY in questo campo. Davanti a noi c'è Pandora. Uno cresce sentendone parlare, ma non avevo mai immaginato che ci sarei andato. Comunque, dopo un inizio così eccitante, il resto della giornata ci impegna nella costruzione delle sopraelevate. O presunte tali (in assenza del Lebo non abbiamo il terrore delle legature perfette). La sera la solenne cerimonia di smistamento del Reparto nei tre clan Na'Vi viene interrotta da una violenta tempesta con tanto di grandine... a forma di carrettini del gelato.
Giorno terzo: finalmente una sveglia ad un orario decente, ma la pioggia non lascia tregua. A peggiorare la situazione i capi PTG portano cattive novelle: i punteggi della giornata precedente sono tragici, i 4 volano come GheppI. Specialmente dai Gheppi. La mattina è una prova di sopravvivenza: riuscire ad accendere il fuoco con la legna bagnata. Il pomeriggio promette invece sole e, pertanto, iniziamo i truculenti e poderosi tornei di PTG! Ovviamente quando si parla di giochi SCOUT Dario prepara la macchina: qualcuno finisce sempre al pronto soccorso. Quest'anno infortunio doppio nel giro di pochi minuti! La sera mitico fuoco con la presentazione della fantasmagorica canzone del campo e le fantascientifiche scenette!
Giorno quarto: giorno del Fuoco. Noi Cammina-nei-Sogni affrontiamo la prima prova per essere ammessi definitivamente tra i Na'Vi: riuscire ad accendere il fuoco con diverse tecniche: capiamo che d'ora in poi mangeremo crudo. Ma questo è niente in confronto alle difficoltà affrontate per il pranzo alla trapper! Comunque il pomeriggio è dedicato all'igiene personale degli esploratori. Abbiamo fatto degli splendidi tuffi da campioni olimpionici riemergendo infreddoliti e intirizziti... Ma almeno abbiamo smesso di puzzare per qualche ora.
Giorno quinto: sveglia quasi in notturna per fare l'hike più corto della storia del Sarraz (per grande gioia delle Pantigri). Il paesaggio Fantasy anima strane pietre rendendole delle mucche enormi e un forte vento cerca di impedirci di arrivare fino in cima: sembrava impossibile, ma alla fine ce l'abbiamo fatta! Al ritorno al campo abbiamo deterso ulteriormente i nostri corpi luridi. La sera noi Cammina-nei-Sogni abbiamo affrontato un'altra prova: la Prova dell'Aria (ovvero attività spirituale). Dopo un momento di riflessione abbiamo osservato le stelle cadenti e le costellazioni leggendo le loro storie. Ognuno di noi si è riconosciuto in una costellazione.
Giorno sesto: il sesto giorno si è aperto con la seconda fase dei tornei di ptg (senza infortuni... Strano!) dove i Caimani si sono confermati ancora una volta campioni. Sfiancati dai giochi ci sfidiamo in una prova più dolce e sfiziosa: la prova di cucina. Ovviamente non poteva mancare il riso dei Gheppi. INSIPIDO. Si sono visti dolci iper calorici alla banana che avrebbero steso chiunque e la solita cucina perfetta dei Caimans (che nonostante tutto sono stati battuti dalle Pantigri). Ciliegina sulla torta, dopo un'intensa briscolata con la Debbi e la Erica, siamo andati (tutti in tiro e stranamente deodorati) dal reparto del Buccinasco per una sfida a scoutball. Dopo una delle solite schiaccianti vittorie del Sarraz tutto sfuma in una romantica cena di bi-ptg miste dove i Gheppi si sono distinti per le loro tecniche di approccio col gentil sesso. Grazie al deodorante!
Giorno settimo: dopo aver fantasticato sulle imprese del latin lover che è riuscito ad avere il numero di tutte le ragazze del Buccinasco, abbiamo affrontato la prova della Terra divisi a coppie, sperimentando così le nostre capacità nell'orientamento e nel misurare pennoni immisurabili. Nel pomeriggio siamo stati occupati nella prova finale per essere accettati a tutti gli effetti dai Na'Vi: la Prova dell'Acqua. Cimentiamo i nostri nervi e i nostri muscoli in cose che voi umani non potreste immaginare: marinara sulla cascata dei 5 picchi e attraversata in zattera del kanyon del terrore d'Acqua. Molti sostengono che sia stata una delle cose più estreme e sexy del campo e della storia del reparto Sarratar.
Giorno ottavo: il giorno più faticoso di tutto il campo. Finalmente ci siamo chiesti come faccia Rocky a fare tutte quelle inesauribili nonchè interminabili flessioni improbe. Ma questo è stato solo il riscaldamento prima delle sfide per decretare il campione e la campionessa di reparto, vinti rispettivamente da Marco Bac alias Ghepardo Indomito e dalla Rebecca Sal pseudonimo Lince combattiva.
LA CAPO REPARTO
mentre esegue l'attraversamento alla marinara sul kenyon vicino al campo.
Giorno nono: mentre stiamo facendo una sonnolenta ma meritata colazione la nostra quiete viene turbata da fastidiosi, bellicosi, guerrafondai, balordi e disumani umani che ci hanno mandato il messaggio che loro possono prendersi quello che vogliono e nessuno può fermarli. Ma noi manderemo loro il nostro messaggio: "Cavalcate veloci, quanto vi può portare il vento, e dite agli altri clan di venire. Dite loro che Toruk Macto li chiama a raccolta! E ora volerete, con me! Miei fratelli! E sorelle! E noi faremo vedere alla gente del cielo che loro non possono prendersi quello che vogliono! E che questa, questa terra è nostra!". VIVA IL GRANDE GIOCO!Visto che abbiamo fatto il grande gioco abbiamo deciso all'unanimità di lavarci ancora una volta. A chiudere la giornata abbiamo fatto un fuoco straordinario con la base musicale di Enrico.
Giorno decimo: contemplando per gli ultimi momenti lo splendido paesaggio cominciamo a smontare le nostre case, dobbiamo lasciare Pandora per tornare sulla Terra. Ma! Il Buccinasco non voleva lasciarci andare senza aver prima aver avuto la loro rivincita. O meglio, la loro riperdita! Ancora una volta il Sarraz ha tenuto alto il proprio onore. La sera ultimo fuoco, ultime canzoni, ultimi bans, ultimi abbracci attorno alle braci... Si sente il campo finire mentre la fiamma lentamente muore...
Giorno undicesimo: ormai le sopraelevate sono state smontate, i camion caricati, gli zaini chiusi e stranamente più leggeri... Lasciamo a vostra interpretazione. Abbiamo pranzato ancora una volta insieme e poi abbiamo finito ufficialmente il campo con il quadrato di chiusura. Segni d'onore degni di nota: i Caimani vincono il campo, Enrico vince il premio puzzola, Achille vince il premio scivolone (ingiustamente strappato all'Alice e alla Barbiz); Alice, Eugenio e Enrico vincono il premio musica. Dopo tutto questo, abbiamo preso la nostra navicella spaziale e siamo tornati verso la Terra...
E tutti vissero felici e contenti.
Ringraziamenti: vorremmo acciuffare Zorro e i suoi complici per averci gabbato ancora una volta. Ringraziamo il dizionario dei sinonimi e dei contrari di Decio Cinti per averci fornito deliziosi spunti, o meglio, soavi o voluttuose ispirazioni. Dario e Nicola per essere sempre disponibili a portare i mal capitati al pronto soccorso. La staff di Reparto per averci fatto vivere questa splendida avventura e averci sopportato per un campo intero!

I vostri sempre splendidi

Alice, Eugenio, Achille, Enrico

Ps: Non è vero che ci siamo lavati così tante volte.
Pps: Non abbiamo detto tutti i Totem: Francesca: Ara Gioiosa, Toso: Orso Valoroso, Thomas: Boa Orgoglioso.
Articolo tratto dal giornalino "Baden Power" del gruppo "Orsa Maggiore" di Ottobre 2012. Clicca per scaricarlo: